Il 2020, sfortunatamente, non verrà ricordato solo per la terribile pandemia che l’ha segnato, ma anche per le numerosissime catastrofi ambientali che hanno inferto duri colpi all’equilibrio dell’ambiente, già pesantemente provato durante gli ultimi anni. A questo punto emerge la necessità di figure altamente specializzate nella tematica del Green management per guidare le aziende in un processo di sensibilizzazione ambientale che, a questo punto, diventa essenziale.

I roghi australiani come campanello d’allarme

Da ottobre ad oggi, sono bruciati 10 milioni di ettari di territorio. È questo il preoccupante dato che spaventa non solo gli australiani ma presto tutto il mondo. Richard Betts, professore di Geografia alla Exeter University, sostiene che questo è solo un campanello d’allarme, perché presto questi numeri influenzeranno la vita di milioni di persone.

Stiamo sperimentando quelle che potrebbero essere le condizioni normali in un mondo dove la temperatura media è più alta di 3 gradi Celsius, è esattamente questo che significa cambiamento climatico”, è così che si esprime il Prof. Betts in merito ai catastrofici eventi che hanno coinvolto l’Australia. Si tratta di un prospetto decisamente poco incoraggiante, basti pensare che le attuali misure, concordate durante l’accordo di Parigi, saranno appena sufficienti a limitare di soli 3 gradi celsius il surriscaldamento globale.

E dunque, cosa fare?

Per vincere la sfida sociale ed economica del secolo, ovvero combattere il riscaldamento globale e tutto ciò che da esso deriva, è fondamentale una reale sensibilizzazione. Ed è proprio in questo contesto che Uninform Group, Ente di formazione con esperienza ultraventennale, popone il celebre Master Quality – Esperti in Sistemi di Gestione Aziendale arricchito dal Modulo Green Advanced che vede, al suo interno, la trattazione delle cosiddetta green practices nell’ottica del Green Management, tema che permetterà ai giovani Manager del futuro di acquisire competenze un domani fondamentali.

Uninform Group si dimostra, ancora una volta, come Ente di Formazione in continua evoluzione, sempre attento alle tematiche emergenti, per formare Green manager che un domani, nel mondo, faranno la differenza.