Pasqualino Ferrante, 26 anni della provincia di Caserta, si è laureato in Farmacia a Roma.

Dopo qualche mese ha deciso di iscriversi al Master Quality, ottimizzando così l’ascesa della sua carriera, a cui è giunto con soddisfazione.

A seguito della didattica, dopo soli due mesi di tirocinio nell’azienda Farmaceutica Aenova Group, ha infatti ricevuto una proposta di contratto di lavoro!

 

Qui la sua intervista:

1) Pasqualino, lei ha ricevuto dall’azienda farmaceutica AENOVA Group una proposta di assunzione ancor prima di terminare i sei mesi di stage: com’è andata e di cosa si occuperà?

 

Devo ammettere che all’inizio è stato un po’ complicato, perché mi stavo approcciando a un’esperienza completamente nuova. Tuttavia, avendo visto una situazione abbastanza complessa da gestire, mi sono dato subito da fare cercando di apprendere quanto più possibile, senza limitarmi nel chiedere aiuto agli altri. Tutto questo è stato apprezzato e mi è stata fatta la proposta di contratto. Devo essere sincero nel dire che anche le circostanze mi hanno aiutato, in quanto in azienda c’è un grande bisogno di menti nuove e volenterose, pronte ad affrontare tutte le problematiche che vengono a presentarsi.

Nello specifico mi occuperò di quelle che vengono definite in azienda come Investigation, ossia la raccolta delle informazioni necessarie da comunicare ad un cliente o ad un reparto aziendale, nel momento in cui al mio gruppo di lavoro viene segnalato un problema. Questo può essere di qualsiasi natura, sia regolatoria che tecnica, quindi sarà il modo migliore per apprendere tutto ciò che c’è nel mondo dell’azienda farmaceutica e tutti i processi che portano alla produzione e all’immissione in commercio di un farmaco.

 

2) Basandosi sulla sua esperienza personale, potrebbe suggerire alcune strategie o consigli utili per un’esperienza di stage di successo?

 

Come ho detto in precedenza, è venuto tutto spontaneo. La cosa importante è capire da subito se quello che si sta facendo o che potenzialmente si farà nell’immediato futuro, sia realmente ciò che ci piace e ciò che desideravamo fare. Per me è stato così fin da subito e, nonostante il mondo sconosciuto e caotico a cui stavo andando in contro, non mi sono perso d’animo e ho cercato, sempre con umiltà, di mostrarmi volenteroso ed entusiasta. Questo, unito alle circostanze favorevoli, purtroppo portate anche dall’emergenza sanitaria che stiamo vivendo, hanno reso il mio stage un percorso di successo.

 

3) Quali tematiche del Master ha ritenuto particolarmente utili ai fini del suo stage e del suo inserimento?

 

In maniera molto generale, direi che il mondo delle ISO mi è stato particolarmente utile, perché l’ambito farmaceutico è normato dalle GMP che hanno numerosissimi punti in comune con tutte le norme ISO, per quanto riguarda la struttura e la logica che si segue nello svolgere le diverse attività, e più in particolare, con la ISO 9001 per la Qualità, con cui ho trovato la maggior parte dei punti in comune. Inoltre, trovo che fondamentale è stato l’approccio critico che mi ha fornito il Master Quality e quello tendente al lavoro di squadra, che in ambito aziendale sono indispensabili per ottenere risultati, sia per l’azienda che per sé stessi.

 

4) Perché consiglierebbe il Master Quality ?

 

Consiglierei il Master Quality prima di tutto per l’attitudine pratica e moderna alla conoscenza del mondo della gestione dei diversi sistemi e anche per l’importantissima opportunità di mettere in pratica ciò che si è appreso e di entrare subito nel mondo del lavoro attraverso lo stage garantito di 6 mesi.

Ringraziamo Pasqualino, certi che questo è solo l’inizio di un percorso fatto di grandi soddisfazioni!